Terra d'amare by Riviera Food

cms-img

"Terra d'amare" è il nostro marchio che abbiamo ideato per commercializzare olio, olive taggiasche, pesto, sughi e salse sul negozio online rivierafood.it.

Le materie prime utilizzate sono di alta qualità che vengono abilmente lavorate da mani artigiane nei laboratori che abbiamo selezionato nel territorio imperiese, prevalentemente lungo la Valle Impero.
La produzione di Olio extravergine di oliva e la lavorazione delle olive taggiasche vengono effettuate nel frantoio situato ad Imperia, cuore della produzione olivicola imperiese, utilizzando olive taggiasche che provengono dal territorio circostante dell'Alta Valle Impero ed entroterra Dianese.  





Cantina Deperi - Ranzo (Imperia)

cms-img


La Famiglia
Da sempre legata alla tradizione agricola locale, la famiglia Deperi coltiva la passione per la vite e per l’olivo già dai primi decenni dell’800.
A Clemente Deperi si deve il sacrificio per la terra e il merito di aver trasmesso ai figli un profondo senso di identità locale e un forte legame con la storia e la cultura del territorio.
La voglia di concretizzare il sogno degli antenati prende forma nel 2004 con l’entusiasmo di Paolo che, sostenuto dal padre PierLuigi e dallo zio Mauro decide di costruire una moderna cantina in costante rinnovamento.
La prima bottiglia di Pigato Deperi nasce nel 2008.

La cantina
Attrezzata con le migliori e moderne tecnologie impiega botti in acciaio refrigerate a temperatura controllata, tonneaux in rovere francese, botti per la criomacerazione, filtro rotativo e farina fossile.
Inoltre, la cantina dispone di una linea apposita e completa per la vinificazione, la sboccatura e l’imbottigliamento del Metodo Classico.
Il rispetto delle procedure e delle fasi lavorative unite a serietà e dedizione, permettono di raggiungere prestigiosi traguardi di qualità.
I prodotti Deperi sono figli del territorio, testimoni dei valori e delle sensazioni della Valle d’Arroscia, l’essenza della tradizione culinaria della Liguria.

Il Castello dei Marchesi Clavesana di Rezzo
Il castello che possiamo ammirare oggi fu costruito nell’ultimo quarto del XVII sec e rappresenta uno dei più importanti esempi liguri di palazzo-fortezza.
Tutte le sale del palazzo hanno mantenuto nel corso dei secoli un’autenticità pressoché intatta: si possono ammirare medaglioni, stemmi e ritratti degli Aleramo, fra i signori più antichi del castello.
Tra gli spazi degni di nota si ricordi la stanza che ospitò San Leonardo di Porto Maurizio, le antiche prigioni, il granaio e la cantina (dove riposano le bottiglie di Metodo Classico).
Un importante progetto di recupero è tutt’ora in atto per rivalorizzare le vecchie vigne di Ormeasco del Castello, il cui primo esemplare fu piantato a Rezzo dai Marchesi Clavesana nel XIV secolo.



cms-img
cms-img
cms-img





Siccardi Giobatta - Varigotti (Savona)

cms-img


Nel 1878, Garzoglio Secondo, bisavolo, che esercitava in Noli, allora capitale della pesca e della lavorazione del pesce azzurro in Liguria, dell'attività di mediazione e vendita del pesce fresco e di lavorazione e conservazione del pescato locale, getta idealmente le basi della ditta Siccardi che nasce nel 1920 col trasferimento da Noli a Varigotti degli eredi.

Allora come oggi la conservazione dei prodotti ittici è fondata sulle lavorazioni tradizionali del pesce azzurro: salagione delle acciughe, bollitura del novellame (Bianchetti e Rossetti), marinatura delle Boghe, Zerri.

Queste lavorazioni estremamente semplici nelle esecuzioni sono rimaste inalterate negli anni avvalenosi solo delle innovazioni tecnologiche a supporto delle stesse.
La qualità della materia prima e, la passionalità delle risorse umane dedicate alla lavorazione rappresentano il punto di forza dell'attività che continua il suo percorso senza soluzione di continuità da oltre un secolo.





Pandolio - San Bartolomeo (Imperia)

cms-img


L'azienda Pandolio nasce alla fine degli anni '90 con l'obbiettivo di recuperare e valorizzare le ricette della tradizione ligure, partendo dell’antica Stroscia, dolce a base di olio di oliva che come vuole la tradizione, deve essere spezzato con le mani, simbolo di convivialità.
Gli ingredienti minimali lo hanno reso un dolce presente nella ritualità tipica delle culture povere, contadini, marinai, piccoli artigiani.

L’evoluzione creativa e la continua ricerca hanno portato alla produzione dei biscotti Pandolietti, nelle loro 5 varianti di gusti per essere consumati veramente in ogni istante della giornata, uno dietro l’altro.

Ultimi nati in casa Pandolio sono i Salatini, sempre a base d’olio d’oliva anch’essi fatti a mano. Ideali con l'abbinamento di salumi e formaggi.

Filosofia di Pandolio
Rispettando l’evoluzione dei gusti delle nuove generazioni, con attenzione all’aspetto salutistico della nutrizione, sono principi fondamentali su cui si basa l'azienda Pandolio.
Rivalorizzire un vecchio dolce dell’entroterra Ligure, promuovendolo sul mercato nazionale ed internazionale, utilizzando l’olio d’oliva, elemento base nella dieta mediterranea.
Il codice etico aziendale si fonda su tre cardini fondamentali:

- Materie prime di altissima qualità
- Prodotti fatti a mano artigianalmente
- Cottura al forno con sistemi tradizionali





PANDORA' - Borgomaro (Imperia)

cms-img


I nostri prodotti nascono dall´antica tradizione dei mastri fornai della Valle Argentina che, con una particolare lavorazione artigianale e con la sapiente miscelazione di ingredienti genuini dell´entroterra Ligure, riuscivano a racchiudere dentro sottili strisce di pan croccante tutto il sapore della buona terra.
Noi oggi usiamo gli stessi procedimenti e gli stessi ingredienti, lavorando a mano ogni piccolo pezzo della nostra produzione.

La nostra azienda, da sempre alla ricerca di prodotti di qualità, produce dal 1999 utilizzando le migliori materie prime e si avvale, in materia di sicurezza alimentare, dei più sofisticati sistemi di controllo della produzione.
La metodologia di lavoro seguita, infatti, è dettata dallo Standard Globale per la sicurezza alimentare BRC (British Retail Consortium).
L´azienda, da alcuni anni, ha inserito anche una gamma completa di prodotti da forno biologici per soddisfare i palati più raffinati di chi, per scelta di vita, crede nell´alimentazione sana e genuina.
Questi prodotti nascono utilizzando i migliori grani biologici e un delicatissimo olio extra vergine di oliva.
La miscela di questi pochi genuini ingredienti, unendosi all´acqua, creano ciappe e grissini dal gusto semplice, ma inconfondibile, prodotti gustosi e delicati, croccanti e soffici allo stesso tempo.




Le 2Mele - Chiusavecchia (Imperia)

cms-img


E' un’azienda giovane nata con l’idea di far conoscere ricette antiche e nuove di conservazione in vaso della frutta.

La produzione rigorosamente artigianale è il risultato di un’accurata ricerca e selezione delle materie prime unita alla tradizionale lavorazione della marmellata e della confettura che permette di ottenere un prodotto di alta qualità.

Le confetture aromatiche di ”pere, mele, pinoli, cannella” ed ancora di “arancia e pistacchi” spiccano tra le originali delizie di frutta fresca e frutta secca. Le gelatine di vini doc della Liguria sono ideali con formaggi stagionati e carni.





Panificio Asplanato - Triora (Imperia)

cms-img


La storia del Panificio Asplanato nasce con la produzione del rinomato Pane di Triora.
Nel secondo dopoguerra, sulla base di antiche ricette tramandate oralmente, Angiolino, panettiere del paese, decise di produrre nuovamente una pagnotta che si potesse mantenere per diversi giorni.
A quel tempo, in Alta Valle Argentina vi erano dei campi di grano coltivati così che la panificazione avveniva utilizzando proprio il grano del posto.

Inizialmente il panificio soddisfava il fabbisogno di un paese di montagna che all'epoca, siamo intorno agli anni '50 contava su un migliaio di abitanti.
Successivamente, grazie all'interessamento di alcuni negozianti di Sanremo, venne creata una piccola rete di distribuzione, utilizzando l'autobus di linea per il trasporto.

Al giorno d'oggi nonostante il grano provenga ormai da mulini piemontesi, gli ingredienti necessari alla panificazione sono gli stessi di allora e, in particolare, si continua ad utilizzare la farina di grano tenero tipo 1.

Poco conosciuta dai consumatori e lavorata quasi esclusivamente dal Panificio Asplanato Angolino, la farina di tipo 1 si caratterizza per un alto contenuto di fibre e per una maggiore presenza di vitamine e sali minerali rispetto alle farine raffinate.

Rispetto ad una farina comune, come la 00, la farina tipo 1 contiene più minerali, è meno calorica e può aiutare sia a diminuire il colesterolo che a mantenere una corretta funzionalità intestinale.
Oltre alla farina tipo 1, che contribuisce a rendere dorato il colore della pagnotta, il Pane di Triora viene preparato con lievito di birra, sale, uno spolvero di crusca su cui viene adagiato il pane prima della cottura e l'immancabile acqua che sorge non molto lontano dal Paese delle Streghe.
Se siete interessati ad acquistare il Pane di Triora scrivete a info@rivierafood.it.

Negli ultimi anni il Panificio Asplanato si è specializzato nella produzione di altri gustosi prodotti come i grissini (preparati sempre con farina di tipo 1), i biscotti all'anice con olio extravergine di oliva, le bruschette all'origano e le fette biscottate.





Canepa - Alassio (Savona)

cms-img


Panetteria e pasticceria storica di Alassio, oggi anche gastronomia, offre una produzione giornaliera ampia di piatti della tradizione alassina e ligure: “brandacuiun” e “cappon magro” …  “torta Pasqualina” e “cima genovese” … “pandolce “ e “Baci di Alassio”...

Dal 1946 nel famoso “Budello”, la via pedonale dello shopping alassino, è a disposizione della clientela tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.45. 



Scola Bear - Castelbianco (Savona)

cms-img


La ScolaBear nasce dall'idea di Samuele Scola, giovane erede della storica famiglia di ristoratori che, appoggiato dalla famiglia, ha dato vita al nuovo progetto di produrre una birra artigianale.

Una birra a chilometro zero, con un luppoleto strappato al bosco nel comune di Castelbianco in Val Pennavaire.

“Una birra non solo artigianale, ma anche coltivata, nel nostro luppoleto a Castelbianco, di fronte al ristorante. Il nome della birra, una chiara di stile belga, non molto alcolica, beverina, si chiama Colombaire, della zona dove i nostri luppoli nascono, crescono e vengono raccolti”, racconta Samuele. Un luppoleto “strappato” al bosco tre anni fa, quando Samuele, dopo essersi congedato dall’Esercito, ha deciso di avviare sperimentazione e produzione con la consulenza del mastro birraio del “Filodilana” di Torino. “Ad oggi abbiamo 300 piante, abbastanza per produrre 8 mila litri di birra.
E’ un luppolo che ha acquisito i profumi e gli aromi della nostra vallata, un prodotto che da vita ad una birra particolare, originale. Al momento la stiamo facendo conoscere in Riviera, ma già dal prossimo settembre c’è l’intenzione di produrne un altro tipo con aromatizzazione al pigato, con vinacce prodotte dall’azienda agricola di mio fratello, tutto a chilometro zero, ovviamente”.

check Prodotto aggiunto per il confronto.